1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

Università Pesche, approvato il collaudo del collegamento stradale in località Nunziatella

Nagni: «Il risultato è stato possibile grazie alla perfetta sinergia con il Comune di Isernia»
Nagni: «Il risultato è stato possibile grazie alla perfetta sinergia con il Comune di Isernia»

L'assessore regionale ai Trasporti, Pierpaolo Nagni, esprime soddisfazione per l'esito della riunione svoltasi lo scorso 25 ottobre presso l'Assessorato regionale all'Istruzione e all'Università nell'ambito della quale, unitamente al collega Michele Petraroia, ha incontrato le rappresentanze studentesche al fine di affrontare, tra le altre cose, la questione relativa al servizio di trasporto pubblico per gli universitari, con particolare riferimento alle difficoltà manifestate dagli studenti a causa della chiusura della strada che, dalla località Nunziatella di Isernia, collega alla sede dell'Università di Pesche. 
 
«Ebbene - ha dichiarato l'assessore Nagni -  è di questa mattina la notizia che il Comune di Isernia, a seguito delle nostre sollecitazioni, ha provveduto ad approvare il certificato di collaudo tecnico-amministrativo per la strada in questione e per l'incrocio della Strada Provinciale con Santa Maria del Bagno. È stato inoltre istituito il collegamento del trasporto pubblico urbano che da Isernia porta alla sede dell'Università degli Studi del Molise di Pesche, con il passaggio degli autobus di linea sulla strada Via Corpo di Liberazione». 
 
«È, questo,  il risultato dell'ottima sinergia che si è instaurata con il Comune di Isernia  che si è subito attivato per rispondere alle nostre sollecitazioni  e per andare  incontro alle esigenze dell'utenza», ha aggiunto Nagni 
 
«Certo, esistono ancora alcune criticità, ma il primo passo verso il loro superamento è stato compiuto. È la dimostrazione che quando le istituzioni si parlano, i problemi diventano più facilmente risolvibili», ha concluso l'assessore.