1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

Contributi per l'apicoltura, sul BURM pubblicato il bando pubblico

Facciolla: «Il bando rappresenta un importante strumento per migliorare e qualificare il comparto»
Facciolla: «Il bando rappresenta un importante strumento per migliorare e qualificare il comparto»

Oltre 43.000,00 euro a sostegno dell'apicoltura regionale. A tanto ammontano i contributi stanziati dalla Regione Molise per l'anno 2013- 2014. Il bando per la prima annualità del Programma triennale regionale 2014-2016, messo a punto dall'Assessorato regionale alle Politiche agricole e forestali per finanziare interventi di miglioramento della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell'apicoltura, è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Molise. Le domande per accedere ai contributi dovranno essere presentate entro trenta giorni dalla pubblicazione del suddetto bando, ovvero entro il 30 dicembre 2013. 
 
In Molise l'apicoltura è un'attività strettamente legata alle produzioni agricole tipiche del territorio regionale, rappresentando il più delle volte un'importante fonte di integrazione al reddito aziendale. Il settore è in una fase di crescita significativa, pertanto il bando, come ha sottolineato anche l'assessore Vittorino Facciolla, rappresenta un importante strumento per migliorare e qualificare questo comparto.
 
«I contributi serviranno anche a dare nuovo impulso alle attività degli apicoltori giovani- ha sottolineato l'assessore - dato che con il Programma si vuole favorire in via prioritaria, fra i vari beneficiari, i giovani al di sotto dei 40 anni che esercitano o intendono esercitare professionalmente l'attività imprenditoriale apistica». 
 
Beneficiari del Programma e, quindi, del bando, sono infatti gli apicoltori (chiunque detiene alveari); produttori apistici (chiunque eserciti l'attività apistica a fini commerciali ed economici); enti; istituti di ricerca; forme associate (le organizzazioni dei produttori che operano nel settore senza scopo di lucro, le società, le cooperative ed i consorzi). 
 
Ai finanziamenti possono accedere gli apicoltori e produttori apistici che risultano essere in regola con al denuncia degli alveari, in possesso di partita Iva e di un numero minimo di 15 alveari, in regola con le norme igienico- sanitarie previste per i locali di lavorazione dei prodotti dell'alveare. 
 
Gli apicoltori interessati, singoli e associati, dovranno fare domanda all'Assessorato alle Politiche agricole e forestali di via Nazario Sauro 1, 86100, a Campobasso, utilizzando l'apposito modello predisposto scaricabile dal portale Sian. I contributi previsti riguardano il sostegno a programmi di assistenza tecnica e professionale per gli apicoltori (per un importo pari ad euro 10.000,00), la lotta alla varroa, un acaro che provoca la distruzione totale delle famiglie di api (per un importo pari ad euro 18.348,00) e l'acquisto di sciami per il ripopolamento del patrimonio apistico regionale (per un importo pari ad euro 15.000,00).   
 
Le domande ammissibili, inserite nelle graduatorie di merito, potranno godere dei benefici nei limiti delle disponibilità finanziarie assegnate. Un bel 'regalo di Natale', insomma, teso a migliorare l'efficienza di un settore che riveste una notevole importanza economica ma anche ambientale.