1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

Trasporto pubblico locale, incontro tra i sindacati di settore e l'assessore Nagni

Nagni: «Il nostro obiettivo è un Piano di servizi minimi ottimale. Positivo il confronto con le parti interessate»
Nagni: «Il nostro obiettivo è un Piano di servizi minimi ottimale. Positivo il confronto con le parti interessate»

L'assessore regionale ai Trasporti, Pierpaolo Nagni, ha ricevuto quest'oggi le rappresentanze sindacali del trasporto per fare il punto della situazione rispetto alla gestione del Trasporto pubblico locale, anche alla luce della mancata aggiudicazione della gara. La richiesta di intervento sollecitato dai sindacati è stata focalizzata, in particolare,  sui contratti di servizio, sulle presunte anomalie denunciate dai  lavoratori e sull'annosa questione delle autorizzazione di fermata.

«I problemi ereditati sono molti - ha dichiarato  Nagni -  il nostro tentativo è ora quello di definire un quadro generale preciso e funzionale attraverso vari step. Dobbiamo capire come vogliamo organizzare, in questa regione il quadro complessivo del trasporto pubblico. Questo perché senza aver definito l'aspetto generale, non sarebbe possibile migliorare tutti gli altri aspetti correlati».
«Abbiamo provato ad immaginare - ha continuato - altre soluzioni di gestore unico, prevedendo anche un'integrazione tra ferro e gomma,  ma la situazione è assai complessa. La prospettiva futura è senz'altro  quella di una nuova gara, soggetta sì a parametri fissati dal governo nazionale, ma che  preveda anche precise garanzie per la Regione Molise».

«Positivo l'incontro di oggi  - ha commentato infine  l'assessore Nagni -  in questi mesi il confronto con i sindacati è stato sempre costruttivo e portatore  di input che abbiamo messo in pratica dimostrando sempre la massima disponibilità».

«Molti passi sono stati finora compiuti ma la strada è ancora lunga - ha concluso - ci aspetta ancora un anno, un anno e mezzo per poter  arrivare, attraverso piccoli passi, al nostro obiettivo finale rappresentato da  un piano dei servizi minimi  ottimale».