1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

Servizi per la prima infanzia, adottato il provvedimento a sostegno delle famiglie

120 euro mensili per ogni bambino, per la durata di 10 mesi, con ISEE 2013 non superiore a 16 mila euro
120 euro mensili per ogni bambino, per la durata di 10 mesi, con ISEE 2013 non superiore a 16 mila euro

Con Determinazione del direttore generale della Regione Molise n. 141 dell'8 aprile 2014 è stato approvato l'Avviso pubblico rivolto alle famiglie molisane per la concessione di "voucher per l'accesso ai Servizi per la prima infanzia - anno educativo 2013-2014", al fine di facilitare l'accesso ai servizi a bambini, in età compresa tra 0 e 36 mesi, appartenenti a famiglie con fragilità sociale ed economica per un importo di € 466.000,00 a valere sulle risorse del FSC 2007-2013. L'Avviso verrà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Molise del 16.04.2014.
 
Le famiglie, per usufruire del voucher, debbono risiedere nella Regione Molise (per i cittadini stranieri si richiede la residenza in Molise ed il possesso del permesso di soggiorno CE per almeno uno dei genitori), l'iscrizione e la frequenza di almeno un figlio, di età compresa tra 0 e 3 anni, ad un servizio per la prima infanzia, pubblico o privato (asili nido, micronidi e sezioni primavera) per l'anno educativo 2013-2014 e una situazione economica riferita al nucleo familiare risultante dall'attestazione ISEE 2013 non superiore a 16 mila euro. Il contributo economico che verrà erogato alle famiglie sarà di un importo massimo di 120 euro mensili per ogni bambino, per la durata di 10 mesi (01.11.2013 / 31.08.2014).
 
In riferimento al provvedimento adottato, l'assessore regionale alle Politiche sociali, Michele Petraroia, ha espresso soddisfazione per un intervento che va incontro alle esigenze delle famiglie che vivono un disagio reale, in una fase di congiuntura economica drammatica, consentendo, in tal modo, a tanti bambini di poter beneficiare dei servizi per l'infanzia in modo pieno ed accogliente.