1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

Vertenza zuccherificio, Petraroia: «Serve un impegno nazionale a tutela dell'unico stabilimento produttivo del centro-sud»

Lo stabilimento termolese
Lo stabilimento termolese

«Nella riunione in programma domani presso l'Assessorato al Lavoro con le rappresentanze sindacali, i lavoratori, gli amministratori dello Zuccherificio Spa e quelli della New.co, si cercherà di tutelare il personale per evitare penalizzazioni ingiuste e ci si adopererà per assicurare una risposta alle sollecitazioni dei dipendenti che rischiano a fine mese di rimanere privi di lavoro e di prospettive. Pur nella consapevolezza che non sarà agevole individuare una soluzione positiva, le parti saranno chiamate a salvaguardare il personale coinvolto e a ricercare il miglior percorso possibile nella condizione data. 
 
Di ben altro spessore è la riunione in programma il 15 aprile a Roma con il ministro dell'Agricoltura Martina, che vedrà impegnata la delegazione parlamentare molisana, la Regione e le parti sociali. In quella sede bisognerà chiarire se il Governo Italiano intende sostenere o meno l'attività dell'unico stabilimento produttivo del settore saccarifero rimasto in funzione nel Centro-Sud, o se al contrario vorrà assistere passivamente al cospetto delle scelte della Sudzuker che, da prime indiscrezioni, sta ipotizzando di acquisire una piattaforma logistica a Frosinone per distribuire lo zucchero nell'Italia centromeridionale.
 
Con le dichiarazioni di facciata non si tiene in equilibrio il Bilancio dello Zuccherificio del Molise, non si tutelano i posti di lavoro e non si pagano le imprese dell'indotto, gli avventizi ed i bieticoltori. Se per l'Italia, al di là del calo del prezzo dello zucchero sui mercati mondiali di questo periodo, è strategico non dipendere dalle importazioni dall'estero per garantire il fabbisogno nazionale di zucchero, si dovrà individuare una prospettiva che non scarichi i debiti sulla Regione Molise, sui lavoratori e sui produttori di bietole. In caso contrario, si assisterà all'ennesima dichiarazione d'intenti che rimarrà lettera morta e non sortirà alcun effetto pratico. 
 
Per tenere in attività uno stabilimento di trasformazione serve abbattere i costi, altrimenti si produce in perdita e i debiti di una scelta politica nazionale non possono determinare benefici per i bieticoltori marchigiani, pugliesi e abruzzesi, nel mentre la cambiali vengono lasciate alla Regione Molise. Su questo aspetto venne consumato l'errore strategico all'atto della decisione di non dismettere la produzione saccarifera a Termoli nel 2006, perché, a fronte di una scelta giusta di politica agricola nazionale, nessuna istituzione ha tirato fuori un euro scaricando costi, responsabilità e diseconomie solo sul Bilancio della Regione Molise. 
 
E' arrivato il momento di andare in chiaro per rispetto dei lavoratori, dei bieticoltori e del territorio. Con i comunicati stampa non si pareggiano i bilanci delle società.»

                                                           Michele Petraroia