1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

Artigianato, approvata dalla Giunta regionale la proposta di legge di riordino

Scarabeo: «Con questo provvedimento vengono snellite le procedure e tagliate le spese»
Scarabeo: «Con questo provvedimento vengono snellite le procedure e tagliate le spese»

La Giunta regionale ha proceduto all'approvazione della proposta di Legge di riordino  della disciplina in materia di artigianato. Un provvedimento attraverso il quale si intende semplificare l'attuale iter procedurale per il riconoscimento e la tutela della qualifica di impresa artigiana e disciplinarne gli attuali organi di rappresentanza, prevedendo che tutto quanto attribuito alle Commissioni provinciali dell'artigianato, come l'adozione degli atti di valutazione dei requisiti per l'iscrizione e la modifica o cancellazione dall'Albo delle imprese artigiane, venga demandato alle Camere di Commercio. 
 
«Il Decreto legislativo del 8 maggio 2010 n. 59 - dice l'assessore regionale alle Politiche dello sviluppo economico, Massimiliano Scarabeo -  emanato in attuazione della direttiva 2006/123/CE, agevola alcuni adempimenti per le imprese artigiane, ponendo  una serie di obiettivi in materia di semplificazione amministrativa, tra i quali la determinazione che l'avvio di un'attività artigianale possa essere iniziata attraverso una semplice dichiarazione che attesti sia il possesso dei requisiti che l'esercizio delle attività delle imprese stesse. Lo stesso Decreto, inoltre, stabilisce che non è possibile la partecipazione diretta o indiretta alla decisione, al fine del rilascio di titoli autorizzatori da parte di operatori concorrenti quali possono essere i titolari delle imprese artigiane attualmente componenti delle Commissioni provinciali per l'artigianato, rendendo così conflittuale e meno importante il ruolo delle stesse Commissioni». 
 
«Coerentemente con quanto dettato da questi provvedimenti - aggiunge Scarabeo -  le Commissioni provinciali per l'artigianato e gli Uffici di segreteria delle stesse non hanno più motivo di esistere rientrando i compiti da queste svolti tra le competenze attribuite all'Ufficio del registro delle imprese, le cui  funzioni amministrative di tenuta dell'Albo provinciale delle imprese artigiane vengono attribuite alla Camera di Commercio competente per territorio. Essendo le Regioni organi che emanano norme legislative in materia di artigianato nell'ambito dei principi di cui alla Legge quadro per l'artigianato 8 agosto 1985, n. 443, in armonia con gli indirizzi della programmazione nazionale, spetta quindi alle stesse Regioni l'adozione di provvedimenti  diretti alla tutela e allo sviluppo dell'artigianato e alla valorizzazione delle produzioni artigiane». 
 
«Lo spirito di questa proposta legislativa - conclude l'assessore -  è anche quello di eliminare spese inutili, e quindi determinare minori uscite a carico del bilancio regionale. Infatti, con la soppressione delle Commissioni provinciali per l'artigianato vengono meno i presupposti per il  pagamento alle Camere di Commercio delle spese derivanti dall'uso dei locali occupati dalle Commissioni, dagli Uffici di segreteria delle stesse e dall'impiego di personale camerale addetto allo svolgimento delle mansioni attribuite alle stesse Commissioni. Risparmio che porta un taglio considerevole dei costi che attualmente gravano sulle casse regionali».