1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

Treni, Lazio e Molise suggellano l'accordo. Zingaretti e Frattura: da oggi una nuova stagione di collaborazione

L'incontro presso la sede della Conferenza delle Regioni
L'incontro presso la sede della Conferenza delle Regioni

Roma, 12 giugno 2014   -   Partenza fissata già dal prossimo lunedì 16 giugno: più treni e, per il momento in fase di sperimentazione fino a fine anno, più pullman sostitutivi per potenziare il collegamento Roma-Campobasso, andata e ritorno, passando per Cassino. La Regione Lazio e la Regione Molise suggellano l'accordo sui treni e avviano una nuova stagione di collaborazione interistituzionale a servizio dei cittadini.

Stamani a Roma, nella sede della Conferenza delle Regioni, l'annuncio ufficiale del presidente Nicola Zingaretti e del presidente Paolo di Laura Frattura con gli assessori ai Trasporti, Michele Civita e Pierpaolo Nagni. Una conferenza stampa congiunta a conferma della volontà condivisa di proseguire anche in altri settori sulla strada della collaborazione. "Oggi siamo apripista di un modello o non sperimentato o sperimentato finora in maniera limitata tra le Regioni", la soddisfazione all'unisono espressa dai governatori Zingaretti e Frattura.

"Con l'accordo che abbiamo costruito con il presidente Frattura e l'assessore Nagni inauguriamo un metodo di lavoro dimostrando nei fatti come sia possibile trovare insieme soluzioni positive per i nostri cittadini. Non solo andiamo incontro alle esigenze dei pendolari migliorando la qualità del servizio e rendendo lo stesso compatibile con i nostri bilanci, ma soprattutto superiamo l'abitudine di lavorare a compartimenti stagni o, peggio, con un approccio competitivo. Questo accordo, basato su una solida e fattiva intesa interistituzionale, inquadra il modello di come devono e dovranno sempre di più lavorare le Regioni". Così il governatore Zingaretti per evidenziare il valore presente e futuro della sperimentazione tra Lazio e Molise.

Pensiero ripreso e sviluppato dal presidente Frattura: "Noi eravamo partiti - ha ricordato il governatore del Molise -, con un ragionamento interistituzionale concentrato sull'Adriatico e sulla Marca adriatica con Marche e Abruzzo. Adesso dimostriamo di poterci muovere così su tutti i fronti interregionali, intesi come governo dei confini. Grazie ai nostri assessori, Nagni e Civita, che hanno svolto un lavoro straordinario, siamo riusciti a contestualizzare, rendendolo immediatamente esecutivo, un accordo tra Regione Lazio e Regione Molise a beneficio dei pendolari dei nostri territori".
"Entro fine anno - ha specificato Frattura -,  arricchiremo il servizio con due treni aggiuntivi rispetto a quelli già in funzione per sostituire il servizio momentaneo garantito dal prossimo 16 giugno con i pullman messi a disposizione dalla Regione Lazio nel collegamento Cassino-Campobasso. Con l'impegno della Regione Lazio e del presidente Zingaretti per la prima volta si offre al cittadino molisano la possibilità di raggiungere Roma e di partire da Roma in ogni ora importante della giornata a cominciare dall'apertura degli uffici così da immaginare un pendolarismo quotidiano da e per il nostro Molise. Archiviata la logica del campanile, mettiamo a fattor comune risorse umane prima ed economiche dopo a servizio dei cittadini".
Nello specifico, dal prossimo lunedì fino a dicembre 2014 la Regione Molise garantirà più treni da Roma, in cambio la Regione Lazio contribuirà all'istituzione di un nuovo collegamento autobus da Cassino fino a Campobasso e viceversa.

"Questi sei mesi - ha spiegato l'assessore della Regione Lazio, Michele Civita -, ci serviranno per studiare un modello ferroviario migliore con i nuovi treni che Lazio e Molise acquisteranno".
Un grande risultato per l'assessore Pierpaolo Nagni: "Ci rendiamo esempio concreto - la sua riflessione -, del significato di multiregionalità e servizi integrati. Partiamo con la mobilità pubblica, che incentiveremo sempre più, immaginando sviluppi organici anche in altri settori".
Oggi a Roma l'avvio "con temi osservati a lungo e a lungo commentati che adesso finalmente diventano fatti", la conclusione dei presidenti Nicola Zingaretti e Paolo Frattura.