1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

Viabilità, 91 milioni per ripartire su ferro, gomma e mare. Frattura e Nagni: completiamo tutte le incompiute

 55 gli interventi, per i quali è certa la copertura finanziaria, programmati con una logica basata su un'attenzione capillare del territorio.
55 gli interventi, per i quali è certa la copertura finanziaria, programmati con una logica basata su un'attenzione capillare del territorio.

Campobasso, 8 gennaio 2015   -   Ferro gomma e mare, alto medio e basso Molise: 91 milioni di euro per una viabilità potenziata, sicura e rispondente in tutto il territorio ai bisogni dei cittadini e alla sottesa idea di sviluppo derivante. Il presidente della Regione, Paolo di Laura Frattura, e l'assessore al ramo, Pierpaolo Nagni, presentano in conferenza stampa l'imponente piano di opere e interventi da appaltare nei prossimi dodici mesi in aggiunta ai 44 milioni già stanziati per il sistema idrico integrato e ad altri 4 milioni di economie riprogrammate per un totale di circa 140 milioni di euro.

Un quadro infrastrutturale, quello indicato dal governatore e dall'assessore, che, attraverso recupero e riprogrammazione delle risorse Fsc 2007-2013, prende forma da un primo passo naturale: la fotografia dell'esistente. "Troppe - l'osservazione congiunta di Frattura e Nagni -, le opere programmate senza che però siano state realizzate o, come in molti casi, ultimate. Noi vogliamo portare a termine tutte le incompiute. Siamo partiti da qui, coniugando, grazie al confronto diretto con gli amministratori locali, emergenze e necessità territoriali al potenziamento per noi prioritario della rete ferrata, tra elettrificazione e metropolitana leggera".

Zone interne, principali aree cittadine e costa: 55 gli interventi, per i quali è certa la copertura finanziaria, programmati con una logica basata su un'attenzione capillare del territorio.

"Non abbiamo privilegiato né privilegiamo un'opera rispetto a un'altra, la nostra unica priorità è assicurare gli appalti entro la fine dell'anno", la condizione ferma espressa durante la conferenza stampa a significare le nuove opportunità che si apriranno per il settore edile, comparto tra i più colpiti dalla lunga congiuntura economico-finanziaria degli ultimi anni.

Agli inizi della prossima settimana il presidente e l'assessore incontreranno i principali protagonisti del mondo delle costruzioni, associazioni di categoria e forze sindacali, per illustrare nel merito l'importanza degli interventi individuati. "Appalti sicuri per 140 milioni di euro, in attesa dell'approvazione da parte del Governo della riprogrammazione dei 171 milioni di euro inizialmente destinati al cofinanziamento primo lotto dell'autostrada Termoli-San Vittore", così in conclusione Frattura e Nagni.