1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

PAR FSC 2007/2013 - asse VI "Governance e azioni di sistema" - linea di intervento VI.D "Comunicazione, informazione e pubblicità". Piano di comunicazione aggiornato con D.G.R. n. 676/2015 - azione di comunicazione "Cultura della sicurezza, la scuola diventa protagonista". Approvazione bando di concorso. - Proroga dei Termini

IeFP

La scuola deve insegnare la cultura della sicurezza e può avvicinare i ragazzi ai temi della prevenzione, salute, percezione del rischio. All'art. 11 del Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro si sostiene l'importanza dell'inserimento, in ogni attività scolastica ed universitaria, nelle istituzioni dell'alta  formazione artistica e coreutica e nei percorsi di istruzione e formazione professionale, di specifici percorsi formativi interdisciplinari alle diverse materie scolastiche volti a favorire la conoscenza delle tematiche della salute e della sicurezza nel rispetto delle autonomie didattiche. Tra i suoi obiettivi e sfide, la scuola deve iniziare ad includere anche quello di favorire il processo di responsabilizzazione in previsione lavorativa, oltre che promuovere il senso civico, la consapevolezza, la percezione del rischio in classe ma soprattutto al  di fuori. Il 22 novembre di ogni anno, a partire dal 2015, viene celebrata la Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole in ricordo di tutte le vittime innocenti di crolli avvenuti in classe (Vito Scafidi, 17 anni, classe 4G, morì proprio il 22 novembre del 2008 sotto il crollo del soffitto della sua scuola, il Liceo Darwin di Rivoli, in provincia di Torino). Ma è arrivata proprio dal Molise e, in particolare, dalla tragedia di San Giuliano di Puglia, la spinta propulsiva iniziale per istituire la Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole. Già dal 2002, infatti, Cittadinanzattiva aveva proposto l'istituzione di questo appuntamento dopo il crollo della scuola elementare Jovine di San Giuliano e il sacrificio dei 27 alunni e della loro maestra. La proposta è stata inserita nella legge sulla "Buona scuola" e il 30 settembre 2015, presso la sala stampa della Camera dei Deputati, si è tenuta la conferenza stampa in cui il Miur, attraverso l'Osservatorio per l'edilizia scolastica, ha accolto e reso istituzionale questo appuntamento. In occasione di questa giornata, o in  riferimento a essa, ogni scuola può presentare progetti, partecipare a concorsi di idee o iniziative di vario tipo. "E' un momento per ricordare tutti gli studenti che purtroppo hanno perso la vita mentre stavano in classe a costruirsi il futuro", come hanno spiegato i vertici del Miur. La Giornata nazionale della sicurezza nelle scuole è stata istituita anche per promuovere la cultura della conoscenza e della consapevolezza relativa ai diversi rischi a scuola e non, e dunque per fornire strumenti informativi e occasioni formative e di addestramento pratico per poterli fronteggiare e/o prevenire.