1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

"Senza Pace", il nuovo libro di Andrea Angeli

Pietracupa: «Grazie a chi sostiene i valori delle tenacia e della determinazione»
Pietracupa: «Grazie a chi sostiene i valori delle tenacia e della determinazione»

«In un mondo che, purtroppo, sempre più spesso tende a demolire e a denigrare, oggi, grazie all'esempio concreto di vita vissuta del giornalista Andrea Angeli, possiamo conoscere l'altra parte della società, quella che, con sofferenza e con tutti i limiti contingenti, costruisce un percorso positivo, che guarda al di là degli interessi localistici, cioè si rivolge all'essere umano e all'intera collettività, a tutte le situazioni di emergenza esistenti nel mondo che possono creare un pericolo per tutti noi».

Con queste parole il Presidente del Consiglio regionale del Molise, Mario Pietracupa, ha accolto questa mattina Andrea Angeli, giornalista e funzionario Onu, che ha presentato a Campobasso il suo secondo libro, dal titolo "Senza Pace".

Presso la Sala della Costituzione della Provincia di Campobasso sono intervenute numerose autorità civili e militari e, aspetto ancora più importante, hanno partecipato diversi studenti campobassani. Pietracupa ha portato ai presenti il saluto del Consiglio regionale: «Intervengo sempre con grande piacere quando si tratta di dare messaggi positivi ai nostri giovani».

 «Oggi - ha proseguito - con le sue storie di uomini e donne impegnati in missioni di pace tra mille dubbi e tormenti, Andrea Angeli ci aiuta a riscoprire i valori della tenacia e della determinazione, tra le poche caratteristiche temperamentali in grado di garantire alla società di sopravvivere ai problemi evitando, al contempo, di fare passi indietro».

«Grazie allora - ha concluso Pietracupa - per questo contributo, per aver raccolto e raccontato senza retorica le emozioni degli uomini protagonisti lontani, e a volte oscuri, del nostro destino. Anche per questo colgo l'occasione per ringraziare tutti quelli, Esercito in primis, che, quotidianamente, con senso di responsabilità e spirito di sacrificio, provano a salvaguardare nel nostro interesse la pace e la serenità del Pianeta».