1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

Ancora dati positivi sulla sanità molisana

Iorio: «Il Tavolo tecnico interministeriale sulla sanità dovrà tenere nella giusta considerazione i risultati positivi del nostro Piano di rientro»
Iorio: «Il Tavolo tecnico interministeriale sulla sanità dovrà tenere nella giusta considerazione i risultati positivi del nostro Piano di rientro»

Nel 2011 il Costo del Servizio sanitario nazionale  è cresciuto dell' 1,3%. Nel Molise, invece, per quanto riguarda il Servizio sanitario regionale, si è registrata una diminuzione delle spese complessive dello 0,7%.
 
E' quanto evidenziato dalla relazione della Corte dei Conti nazionale, resa pubblica nei giorni scorsi sullo stato dei conti pubblici ed, in particolare, del Servizio sanitario nazionale e regionale. La percentuale di diminuzione del Molise è la migliore insieme a quella fatta registrare dalla Campania e dal Piemonte. La Corte nota come "per lo più, le regioni impegnate nei Piani di Rientro dei disavanzi, circostanza che dimostra come misure straordinarie (ancorchè spesso invise, impopolari e conseguentemente contestate), riescano a favorire gli auspicati contenimenti di flussi di spese del settore". Va detto che la stessa relazione registra come anche nel 2010 il Molise, rispetto ad una crescita nazionale dell'1,1%, faceva rilevare una contrazione di spesa dello 0,3%.

La Magistratura contabile va poi più nel dettaglio verificando alcuni dati, sempre per il 2011, per materia o territorio, ed evidenzia che, per quanto riguarda le "spese del personale  sanitario" «mentre la Provincia Autonoma di Trento sconta un +2,5%, l'Emilia Romagna un +0,5%, la Toscana un +0,1%, la Basilicata un -0,2%, il Molise registra una riduzione significativa di un -2,5%».
Per la spesa farmaceutica convenzionata la Corte rileva che "per quanto riguarda la distribuzione territoriale della spesa dell'aggregato, i maggiori costi si sono evidenziati, come in precedenza, in Lombardia, Lazio, Campania, Sicilia e Puglia; i minori, in valore assoluto, in Valle d'Aosta e Molise".
Il Molise viene poi ancora citato nella relazione per altri dati in diminuzione di crescita di costi per altre tipologie di prestazioni.


I dati positivi sulla sanità molisana citati dalla relazione della Corte dei Conti nazionale, tradizionalmente caratterizzati da rigore scientifico e attenzione nella rilevazione e nelle deduzioni conseguenti, si sommano a quelli già resi noti dall'Agenzia per il Farmaco o dal SiVeAS (Sistema nazionale di verifica e controllo sull'assistenza sanitaria) per quanto riguarda la contrazione del costo dei farmaci  del personale sanitario.


«A questo punto - ha commentato il Presidente della Regione Michele Iorio - cercherò un'interlocuzione direttamente con il Presidente Monti e con il Ministro Balduzzi, perché l'evidenziarsi di dati, che testimonia come stiamo procedendo in maniera positiva nell'attuazione del Piano di rientro, sia accolto e tenuto nell'opportuna considerazione del Tavolo tecnico interministeriale sulla sanità. Quest'ultimo sembra, invero, voler trascurare i dati matematici economici di evidente eloquenza, fermandosi, con un piglio che ho più volte definito esasperatamente ragionieristico, su tecnicismi di poco conto e oggettivamente irrilevanti rispetto all'impianto e agli obiettivi dati dal Piano stesso».