1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

Zuccherificio del Molise, primo incontro in Regione con la New-Co

Iorio:  «La salvaguardia dei livelli occupazionali e la stabilizzazione dell'azienda nel mercato nazionale ed europeo restano i nostri obiettivi principali»
Iorio: «La salvaguardia dei livelli occupazionali e la stabilizzazione dell'azienda nel mercato nazionale ed europeo restano i nostri obiettivi principali»

 Si è tenuto nella mattinata di oggi, presso la Sala della Giunta regionale, un incontro tra il Presidente della Regione Molise, Michele Iorio, e la nuova società New-Co dello Zuccherificio di Termoli, per trovare un accordo sul contratto di affitto di ramo d'azienda, in vista della ristrutturazione aziendale che partirà dopo la campagna bieticola.

Presenti alla riunione anche l'Assessore alle Politiche agricole, Angiolina Fusco Perrella, l'Assessore alle Attività produttive, Michele Scasserra, l'Assessore al Bilancio e Finanze, Gianfranco Vitagliano, e le rappresentanze sindacali del settore.

«Abbiamo scommesso sul futuro dello Zuccherificio di Termoli facendo una scelta responsabile - ha detto il Presidente Iorio - che mirava e mira a proteggere gli occupati dello stabilimento, a fortificare la filiera produttiva e a sviluppare il sistema economico del Basso Molise. In un momento di difficile congiuntura economico-sociale, c'è la nostra piena  disponibilità, come Governo regionale, nel tutelare coloro che verranno coinvolti nella nuova strutturazione e nel trovare le migliori soluzioni a chi rimane indietro. I nostri obiettivi restano, soprattutto, la salvaguardia dei livelli occupazionali e la stabilizzazione dell'azienda nel mercato nazionale ed europeo. La nostra è una scelta che abbiamo fatto coerentemente con i nostri principi, rafforzata dal voto a grande maggioranza del Consiglio regionale, con la consapevolezza che la chiusura di questa azienda, come alcuni volevano, avrebbe determinato un danno economico-sociale per lo stabilimento e per l'indotto ad esso collegato. ma anche per tutto il sistema produttivo regionale»