1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Regione Molise Homepage

Regione Molise
  1. Homepage
  2. Area intranet
  3. Mappa
  4. Stampa

Menu di sezione

Contenuto della pagina

Vitagliano, rimborso tassa automobilistica Comuni Cratere

Vitagliano: «Approntiamo atti e risorse per rispondere con equità ai bisogni della gente, confortati da funzionari impegnati quotidianamente in favore dei cittadini»
Vitagliano: «Approntiamo atti e risorse per rispondere con equità ai bisogni della gente, confortati da funzionari impegnati quotidianamente in favore dei cittadini»

In relazione al rimborso della tassa automobilistica nei Comuni del Cratere sismico, la Segreteria dell'Assessore regionale alla Programmazione, Bilancio e Finanze, Gianfranco Vitagliano, ha diffuso un comunicato stampa.  

«Esattorie s.p.a. gestore del servizio di riscossione della tassa automobilistica - si legge nella nota - ha in corso da circa due anni le procedure di verifica e di rimborso agli aventi diritto, sotto il controllo della struttura regionale competente. E' merito di entrambi aver consentito ad oggi la corresponsione del dovuto ai cittadini di Provvidenti, Montelongo, Montorio nei Frentani, Rotello, Castellino del Biferno, Morrone del Sannio, S. Croce di Magliano (il rimborso di quest'ultimo Comune è in corso).
 
Sono in fase di ultimazione, con prevedibile messa in liquidazione delle spettanze entro il prossimo dicembre ed in razionale ed ordinata successione i comuni di: Ripabottoni, Bonefro, Ururi, Casacalenda, S. Giuliano di Puglia, Colletorto, Larino. La nostra previsione è quella di completare entro il primo semestre del 2013. Ci sono le risorse, sono ormai collaudate le procedure a fronte di un'attività assai complessa che è complicata da una particolare propensione di soggetti a formulare richieste inesatte e, purtroppo, con una frequenza inaccettabile, richieste di rimborsi non dovuti che rallentano l'operatività e danneggiano le persone accorte e/o oneste. Noi continueremo a fare il nostro lavoro e molto probabilmente ci sarà chi, per visibilità personale, continuerà a dimenticare e a sollecitare. L'importante è che i diritti dei beneficiari della nostra iniziativa vengano rispettati».